Sostieni eGn

Puoi sostenere l'attività di eGn con una donazione tramite PayPal...



oppure con un bonifico bancario: Clicca qui per i riferimenti

facebooklogo

veterinario24h

Perchè tanti greyhound neri?

Negli ultimi anni in Irlanda, Regno Unito e in Australia il mondo delle corse agonistiche è dominato dai greyhound neri. Tenendo conto di questo (solo i migliori vengono fatti riprodurre) e del fatto che il nero è un colore dominante non è difficile capire come mai anche tra i cani da adottare il colore più diffuso sia il nero.

Oltre a detenere questi primati purtroppo i cani neri detengono anche quello sui i tempi d’attesa più lunghi per essere adottati.

Come mai succede questo?

Doveri dei proprietari di cani

Vi riportiamo alcune indicazioni generali e suggerimenti utili per i proprietari di cani in merito alla detenzione, all’obbligo di registrazione all’anagrafe canina, al trasporto ed ai comportamenti da tenere in caso di smarrimento degli stessi.


Veterani con una marcia in più

Ogni anno in Irlanda vengono “immatricolati” migliaia di cani (oltre 23 mila nel 2006). Quelli che arrivano a correre sono pochi, e i bravi corridori sono ancora meno. I motivi per essere “fuori” sono i più svariati: la mancanza di velocità, l’infortunio, la semplice stanchezza (il riposo è un lusso non contemplato). Ci sono cani (pochissimi) che arrivano alla fine naturale della carriera di corridori (intorno ai cinque anni di età) dopo aver letteralmente superato mille avversità: sono stati più veloci, resistenti, sani e disciplinati degli altri. Sono riusciti a tirare avanti e vincere nonostante la vita grama che conducevano. Insomma degli ottimi cani, l’orgoglio e la soddisfazione dei loro padroni. Questo mondo purtroppo non perdona nemmeno i “buoni” cani e questi si ritrovano al pound (mattatoio dei cani), o ad essere considerati un peso morto a cinque o sei anni d’età. A questo punto possono solo sperare di essere salvati, e anche se questo avviene la loro sfida non finisce qui, per ironia della sorte proprio il fatto di avere avuto “una marcia in più” ed essere riusciti a sopravvivere così a lungo è la loro condanna. Infatti purtroppo le persone disposte ad adottare un cane che non è più un “cucciolone” sono pochissime.


Perchè adottare un cane adulto

Adottare un cane adulto può riservare piacevoli sorprese e soprattutto dare grandi soddisfazioni.

Molte persone e veterinari considerano l’adozione di un cane adulto rischiosa e difficile, ritenendo che il cane possa avere trascorsi sconosciuti e quindi costituisca un punto interrogativo, addirittura un pericolo.

Al contrario!! Il cane adulto impara velocemente, è adattabile ed estremamente grato alla sua nuova famiglia. È molto più facile da gestire di un cucciolo, e molto meno impegnativo.

Se pensate di adottare un cane adulto recatevi in un serio canile dove i volontari conoscano realmente gli ospiti, sicuramente vi sapranno indicare il soggetto adatto.

Se parliamo di greyhound o galgo o lurcher possiamo anche ampliare il discorso. Loro riescono, come non molti, a dimenticare torti e maltrattamenti subiti ed una vita piatta e deprivata.

Qualcuno è molto provato e necessita di mani esperte per poter superare il passato, ma la maggioranza accoglie felicemente la nuova vita.

Arrivo a casa
Eccovi alcuni consigli per instaurare da subito un buon rapporto con il vostro levriero, greyhound, galgo o lurcher che sia.

Molto probabilmente il vostro nuovo "amico veloce" non ha mai messo piede in una casa prima d'ora e quindi vi potrà apparire impaurito ed un po' frastornato.

Questo è normale, per lui tutto è una novità.

Prima di entrare in casa, fategli conoscere tutti gli abitanti della casa, avendo cura di presentargli gli eventuali abitanti a quattro zampe all'esterno, per evitare poi scontri per il territorio.

Fate tutto con calma. Parlategli molto ed in tono tranquillo. Per evitalre problemi, se notate che è molto nervoso, mettetegli la museruola. Lui è abituato a tenerla e così facendo scongiurate qualsiasi problema.


Levrieri e bimbi

I levrieri generalmente amano i bambini.

Sono cani dall’indole dolce e gentile e ben si adattano alla convivenza con i “cuccioli d’uomo” instaurando un rapporto di complicità ed amore che va al di là di ogni aspettativa, a patto che vengano rispettate alcune semplici regole dettate dal buon senso.

Fondamentale, soprattutto per i primi tempi di convivenza nella nuova famiglia, è non lasciare il cane da solo con i bimbi, specialmente se piccoli. Un movimento del cane, fatto anche nella più buona delle intenzioni, potrebbe far cadere il piccolo o farlo spaventare.

Supervisionate sempre i loro comportamenti. Siate sempre attenti e pronti ad intervenire per qualsiasi evenienza. Spiegate ai vostri bimbi che quando il cane mangia o dorme è necessario non disturbarlo. Se giocano assieme, e questo capiterà, state attenti ai comportamenti di entrambi.


Comportamento ed atteggiamenti tipici

QUANDO DORMONO
Vi sarà capitato di vedere il vostro levriero dormire ad occhi semiaperti, sebbene potrà sembrarvi vigile, fate molta attenzione, il vostro grey potrebbe essersi calato in un sonno profondo. E’ sconsigliabile in tel caso, svegliarlo toccandolo o scuotendolo, dato che questo potrebbe farlo sobbalzare dallo spavento ed innervosirlo. Se proprio siete nella necessità di doverlo svegliare, chiamatelo dolcemente.

Altra peculiarità dei levrieri dormienti è il sogno. Non è per nulla raro, infatti, mentre sono tra le braccia di Morfeo, vederli correre, abbaiaiare mugugnare e dimenarsi. Non preoccupatevi con ogni probabilità sognano di rincorrere una preda.


Cenni storici ed origini

Nell'oscurità delle piramidi egizie, su certi antichi graffiti, nelle incisioni e nei bassorilievi assiri spicca la sua elegantissima sagoma. È un levriero, e a quei tempi veniva impiegato come cacciatore e predone per le sue eccelse virtù di velocità e resistenza.


I cani che diamo in adozione

I cani che affidiamo alle famiglie italiane sono cani da lavoro. Non si tratta quindi di animali da esposizione e le loro caratteristiche possono differire leggermente rispetto allo standard definito dall'FCI.

Le condizioni in cui i cani arrivano in Italia sono generalmente buone, ed i loro eventuali problemi non pregiudicano una vita casalinga assolutamente normale. Può succedere che i volontari in Irlanda o Spagna salvino cani con una storia particolarmente sofferta, e quindi in condizioni fisiche e/o morali particolari. Questi casi verranno evidenziati chiaramente sul nostro sito, ed essi verranno affidati solamente a famiglie esperte, consce della situazione e pronte a dare una vita dignitosa ad un animale particolarmente sfortunato.

adult1

Tutti cani disponibili alle adozioni sono sterilizzati, ogni anno ne muoiono a migliaia e noi siamo determinati a non contribuire a tale problema, su questo siamo irremovibili.